• Italia da nord a sud

    Tropea, una perla sospesa tra cielo e mare.

    In una terra di una bellezza rude e travolgente, tra il mare e la montagna, esiste una perla incastonata su di una terrazza che da sul mare Tirreno tra i golfi di S.Eufemia e Gioia: il suo nome è Tropea. La leggenda narra che Tropea fu fondata da Ercole che tornando dalla Spagna si fermò sulla costa. Innumerevoli sono le bellezze artistiche. Piazza Ercole è dominata da un palazzo settecentesco in granito e da qui si prosegue verso corso Vittorio Emanuele che chiude il suo passeggio tra i negozietti tipici con la splendida balconata dalla quale si possono vedere lo scoglio di Leonardo e l’isoletta di Santa Maria, quest’ultima collegata…

  • spello
    Italia da nord a sud

    Il paese dei fiori, Spello

    Una passeggiata a Spello Camminare tra i vicoli medievali di Spello è un’esperienza assoluta. Il trionfo del’antico si sposa con il gusto del bello. Scorci mozzafiato che si aprono tra strade che si inerpicano con eleganza e buon  gusto.   Lo  sguardo rapito dalle facciate delle case ove la protagonista rimane la pietra che parla e trasmette vita vissuta…e si posa poi, sui magnifici davanzali fioriti, una festa del colore e di profumi.     Vecchie botteghe dal sapore antico espongono prodotti d’artigianato ed entrando in esse l’atmosfera è rigorosamente d’altri tempi.     Vicoli stretti e pittoreschi che sfociano in cortili incantevoli ed odorosi. Spello è storia, ma soprattutto…

  • Italia da nord a sud

    A spasso per Ceglie Messapica

    Una domenica calda e soleggiata, una macchina e due amiche alla volta di Ceglie Messapica. Ceglie Messapica è uno dei più vecchi comuni pugliesi della provincia di Brindisi. Si trova su una linea invisibile che divide il salento dalla Valle d’Itria ed è posta su un’altura che le regala un’aria frizzantina e panorami sugli uliveti della murgia, il cui verde argentato viene interrotto da masserie antiche e trulli.     Sicuramente meno conosciuta rispetto ala vicina Ostuni, la sua notorietà è dovuta soprattutto alle eccellenze gastronomiche tanto da essere identificata come capitale della cucina pugliese.   Ceglie Messapica è una cittadina viva con un centro storico antichissimo, delle stradine ordinate…

  • Italia da nord a sud

    Natale in Puglia: 2°tappa, Cisternino

    Cisternino: uno dei borghi più belli d’Italia Nel quadrilatero dei posti vicini da visitare in Puglia che vi ho anticipato con l’articolo dedicato ad Ostuni, vi è CISTERNINO.   Premessa: non immaginatevi chiese architettoniche, porte di accesso monumentali, ma arrivate senza pretese perché vi stupirà la sua semplicità, il suo essere quasi rupestre. Sita in alto della murgia, è un balcone sulla valle d’itria. L’estate è uno dei luoghi dove al contrario delle temperature pugliesi molto calde, si respira un’aria fresca e frizzantina mentre il sole illumina le case in calce bianca. Noi non arriviamo col sole e le temperature estive, ma arriviamo di sera e con una temperatura di…

  • Italia da nord a sud

    Natale in Puglia, 1°tappa a Ostuni

    Prima parte: Ostuni    La Puglia nel nostro immaginario è associata al mare, il sole, le vacanze estive, ma vi farò vedere come alcuni borghi, diventano  a Natale delle piccole perle assolutamente  da visitare. Iniziamo da due paesi in provincia di Brindisi, distanti pochi chilometri,  all ‘interno di un quadrilatero magico formato da Ostuni,  Cisternino, Locorotondo ed Alberobello. OSTUNI A Ostuni le case sono bianche, di latte e calce, sono bianche fino a far male agli occhi, sono candidi i muri, le finestre, le porte, le scale, tutto è inverosimilmente bianco… Sorge su tre colli ed é situata a 8 km dal mar Adriatico per il quale  ha ricevuto la bandiera Blu e…

  • Italia da nord a sud,  La rubrica del Turista non per caso

    Gradara: il castello di Paolo e Francesca

    Il colle di Gradara Il colle di Gradara, da sempre terra di confine tra Marche e Romagna, è dominato dalla maestosa Rocca circondata da un piccolo borgo medievale e da una doppia cinta muraria. La Rocca di Gradara ed il suo borgo rappresentano una delle strutture meglio conservate d’Italia con le due cinte murarie che proteggono la fortezza, la più esterna delle quali si estende per quasi 800 metri. Ed è proprio sulla cinta muraria esterna del XIV sec., restaurata dalla Pro Loco negli anni ’50, che si possono percorrere 400 metri lungo gli antichi camminamenti di ronda. Da qui si possono godere da una parte dello splendido panorama delle…

  • LOCOROTONDO
    Italia da nord a sud

    Borghi d’Italia: Locorotondo

    Locorotondo tra i 20 Borghi più belli d’Italia 2016 secondo Travel 365       Locorotondo  sorge nella Valle d’Itria, ha avuto molti nomi prima di quello attuale. Inizialmente si chiamava Casale San Giorgio (in onore del patrono), poi Casale Rotondo, successivamente Luogorotondo e solo nel 1834 fu chiamato Locorotondo. Il toponimo richiama la caratteristica forma del centro storico, un insieme di piccole case bianche, comunemente chiamate cummerse disposte su anelli concentrici terminanti con degli insoliti tetti spioventi. La festa di San Giorgio Martire (fino al 1786 patrono del paese) e della Madonna della Greca, protettori di Locorotondo, si tiene ogni anno nei giorni 21, 22, 23 e 24 aprile. Si…

  • Italia da nord a sud

    Manduria

    Manduria, il mio bel paesello Situata nel Salento settentrionale, equidistante da Taranto, Lecce e Brindisi, Manduria è il mio paese di nascita e di residenza del quale molto obbiettivamente dico che è un gioiello, ma purtroppo custodito male. Ricca di monumenti, con un passato degno di nota del quale ne abbiamo le testimonianze tra reperti, necropoli e mura di cinta.  Famosa anche per il vino primitivo, dal sapore unico e che vi consiglio di  degustare presso il Consorzio Produttori Vini   Manduria dista circa 10 km dalla costa e oserei dire dal mare più bello che abbia mai visto: cristallino, dai bassi fondali e da una sabbia sottile come farina! Nel mare…

  • Italia da nord a sud

    Alberobello

      Alberobello Celebre per le sue caratteristiche abitazioni chiamate trulli che, dal 6 dicembre del 1996, sono patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, fa parte della Valle d’Itria e della Murgia dei Trulli. Il trullo più grande  è chiamato Trullo Sovrano fu la  sede della confraternita del Santissimo Sacramento nel 1823 e dalla confraternita dei Santi Medici nel 1840 ecco perché all’ingresso sta raffigurato un dipinto del Calvario.Questo edificio a due piani è adibito a museo ed è possibile visitarne l’interno, arredato secondo il gusto d’epoca, ricostruito tramite le testimonianze dei più anziani abitanti alberobellesi. Durante il periodo estivo, il Trullo Sovrano ospita manifestazioni quali spettacoli teatrali, concerti di piccole orchestre o formazioni…

WhatsApp chat