visitare Basilea
Europa,  Viaggi di gruppo svolti

Visitare Basilea, Strasburgo e Colmar in 3 giorni

Scegliere di visitare Basilea è stato un caso, ignari che proprio nel periodo del nostro soggiorno si svolgeva il famoso carnevale di Basilea.

Arriviamo a Basilea  con un volo Easy Jet  da Brindisi, comperato al prezzo di 55 euro andata e ritorno, alle ore 11.40 del 13 marzo 2019.

All’uscita dell’aeroporto c’è la fermata num. 55 dell’autobus che fa da spola col centro città. I biglietti possono essere comprati dalle macchinette automatiche al costo di 4 euro.

Il pullman fa capolinea alla stazione centrale che dista 800 mt a piedi dall’hotel prenotato della catena Ibis, semplice ma pulito in ottima posizione e il meno caro trovato in città.

Oltre ad essere vicino alla stazione, a circa 200 mt si trova anche la fermata tram n° 10.

L’Ibis Basel fornisce anche la Basel Card turistica che consente di usufruire gratuitamente dei mezzi di trasporto,  una password per connettersi al wii fii in città ( indispensabile tra l’altro in quanto non facente parte della CE il roaming non è ativabile) e lo sconto del 50% su alcune attrazioni.

Terminate le formalità del check in iniziamo a visitare Basilea partendo dal centro per vedere il corteo del carnevale nel suo ultimo giorno.

Il Carnevale di Basilea è ufficialmente entrato a far parte del patrimonio culturale dell’UNESCO. Ha inizio il lunedi  dopo il Mercoledì delle Ceneri per tre giorni.

In questi giorni non ci sono carri, ma i partecipanti al corteo si raggruppano in base ad un tema specifico suonando strumenti a fiato  con delle lanterne accese.

Il tema scelto come per i nostri carri è preso da eventi reali ironizzati.

 

Pare che in questi tre giorni di festa, che loro tra l’altro chiamano i giorni più belli dell’anno, gli svizzeri  si lasciano andare in tutto!

Basilea, come è successo per Bruxelles mi ha letteralmente spiazzato.

Le mie aspettative non erano alte, anzi tutt’altro: la immaginavo fredda, asettica, insomma Svizzera!

Invece si è mostrata giovani, viva e vivace.

Un misto tra Parigi ( molti palazzi sono in art nouvous ) e Vienna ( la precisione e l’ordine delle strade).

 

 

 

Col tram numero 10 siamo andati a vedere il castello sull’acqua di Bottmingen, del 1200, ed ora adibito a ristorante di prestigio.

 

 

 

 

Sempre col tram 10 dal castello siamo scesi alla fermata teatro, in zona  ci sono i principali musei:  Il Kunstmuseum di Basilea, il Museo d’Arte e il vecchio teatro cittadino.

Qui si trova una fontana realizzata da  Jean Tinguely con figure in ferro in continuo movimento, quasi a rendere omaggio agli artisti che si esibivano in questo teatro.

 

 

Il teatro comunale a Basilea è il Teatro Piramide

 

 

Un teatro diventa anche la chiesa vicina: Kirche Elisabethen.

Chiesa gotica che viene spesso usata per rappresentazioni e al cui interno vi è anche un bar. Peccato fosse chiusa!

 

 

 

 

Basilea, una città non appariscente, ma nemmeno scontata.

Da qui dopo una passeggiata tra negozi e palazzi siamo arrivati alla piazza del mercato dove si trova il municipio ed è sede del governo del Cantone di Basilea Città.

Il comune dal nome tedesco, Rathaus Basel,  è un colpo di colore in una piazza anonima. in stile tardo gotico è dipinto al suo interno con immagini realizzate dall‘artista Hans Bock .

 

 

 

 

A poche centinaia di metri dal municipio si trova la cattedrale.

Si deve fare un breve strada in salita per poi aprirsi in un largo spiazzale dove si trova appunto  il duomo dedicato a Maria

Anch’essa in stile gotico si trova su di un colle infatti si può godere di una vista spettacolare e dalle  14 alle 14.30 si può assistere ad una visita guidata.

C’è la possibiltà anche di salire sulle torri ( 250 scalini) chiamate di S. Giorgio a sinistra e di S. Martino a destra.

 

 

La cattedrale è stata la nostra ultima tappa prima di dedicarci al pranzo.

Bella città visitabile in un giorno, unica pecca i costi un tantino elevati ( è l’unica città dove non sono riuscita a comperare una calamita, i prezzi non erano più bassi di 10 euro).

In ogni caso con alcune accortezze si riesce a comprare limitando le spese.

Come? tappa fissa per acqua e generi alimentari al  supermercato della catena Migros all’interno della stazione. Prenotate sempre in hotel che aderiscono al programma della Basel card, e per pranzo andate al mercato centrale.

Il mercato centrale si trova nei pressi della stazione.

Un posto multietnico sia per il cibo offerto che per i venditori. Potete spiazzare dalla cucina thai ad hamburgher ad un ottima frittura di pesce e a prezzi abbordabili.

Gli ambienti sono puliti, l’odore carico di spezie  e tavoli tipo saloo dove sedersi comodamente.

Felicissimi di questo nostro tour che ci ha visto visitare Basilea, Colmar e Strasburgo.

Costo totale:

Hotel Basilea 35 euro a notte in tripla

Autobus Flixbus per Strasburgo : 0.99 cent a tratta ( la fermata è vicino la stazione) e biglietti acquistati on line due giorni prima

Treno regionale per Colmar 11.50 euro a tratta (il biglietto è stato fatto dalla biglietteria all’interno della stazione centrale ed il prezzo è scontato del 30% in quanto gruppo)

 

 

 

migliori articoli viaggi 27

Ed eccoci qui, sul gradino più alto del podio con ancora una new entry! Siamo a Basilea, con il dettagliatissimo racconto di viaggio a Basilea di Annalisa. Una città che supera le aspettative (non altissime), assolutamente non scontata (c’è pure una chiesa con un bar dentro… meno scontata di così!), ma soprattutto un resoconto davvero prezioso quello di Annalisa: costi, itinerari, info sui trasporti… insomma, un vademecum per visitare Basilea in un giorno!
In realtà il post è parte di un itinerario che comprende anche Strasburgo e Colmar, davvero due delizie spesso sottovalutate a vantaggio di destinazioni più popolari… ma se date un’occhiata ai post di Annalisa, vi verrà una voglia matta di farci una capatina!

Congratulazioni! Il premio di Maggio è tuo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat