Le miniere di sale di Cracovia

Le miniere di sale di Cracovia sono sicuramente da mettere nelle cose da fare in un viaggio in Polonia.

Storia

I giacimenti di sale si formarono circa 16,6 milioni di anni fa quando grazie alle collisioni delle zolle tettoniche nacque la catena montuosa dei Carpazi. Fortuna volle che al di sotto delle montagne si formò una fossa che veniva alimentata dal mare. A seguito di ulteriori cambiamenti ( parliamo di circa 20000 anni…) il sale cristallizzava accumulandosi nelle viscere della terra tanto da formarne un vero e proprio giacimento.

La miniera oggi si estende per circa 10 chilometri. Ha la larghezza da qualche centinaia di metri fino a un chilometro e mezzo, e la profondità da 30 fino a circa 330 metri sottosuolo.

 

Il percorso turistico

Appena prenotate la visita, o meglio prima di prenotare la visita online ( consigliato ) vi accingerete a leggere un po’ come funziona la visita e cosa andrete a fare: leggerete di dover scendere 800 scalini, di entrare in una miniera e che quindi avrà un ambiente completamente chiuso, temperature umide…

State tranquilli, nulla di spaventoso e tutti possono tranquillamente accedervi senza timore di avere attacchi di panico o claustrofobici.

Il primo impatto sono 300 scalini a scendere, comodi e non alti.

Guardate la foto in basso, ecco sono tutti gli scalini che farete.

 

Arrivete nel pozzo Danilowicz (64 metri di profondità)

 

Ora preparatevi a sentirvi come dei sette nani, piccolissimi in un ambiente scavato nel sale, fatto di vicoletti stretti e lunghi che vi portano in caverne altissime e larghe.

Toccherete il sale che continua a formarsi

 

Vedrete come lavoravano i minatori

 

L’aria odora di sale, i pavimenti, gli altari, le colonne sono scolpiti nel sale, luccicanti cristalli di sale impreziosiscono i lampadari che, insieme a candelabri fatti di sale illuminano magicamente le sale.

Vi chiederete, ma ci sono sale? Si ci sono delle vere e proprie stanze con statue intagliate nel sale, cappelle adornate di immagini sacre e altari.

 

Continuerete a scendere, senza accorgervene, senza sentire fatica e la miniera vi regalerà un pozzo d’acqua color smeraldo, una laguna nella terra.

 

Il clou della visita alla miniera di sale si raggiunge con la cappella della Beata Kinga (1895), la patrona dei minatori polacchi, a cui è dedicata una sala.

 

 

La visita alle miniere di sale di Caracovia dura due ore circa, al termine un montacarichi riporta tutti in superficie. Prima di lasciare questo posto incantato è possibile concedersi una pausa al bar (ma per chi ha bisogno di rimettersi in forze c’è anche un ristorante) e/o acquistare qualche souvenir.

 

Indirizzo: Daniłowicza 10
Come arrivare: Treno: dalla stazione centrale di Cracovia (Dworzec Główny PKP)  alla stazione “Wieliczka Kopalnia”. Autobus: 304
Orari di apertura: dal 1 aprile al 31 ottobre: dalle 07.30 alle 19.30
Dal 2 novembre al 31 marzo: dalle 08.00 alle 17.00
Costo del biglietto:
 Adulti: 22 euro; ridotto: (bambini e studenti fino a 26 anni) 20 zl.

… IL MIO NOME E’ ANNALISA, SONO PUGLIESE, ANZI DIREI SONO FORTUNATAMENTE PUGLIESE, COL MARE A 10 MINUTI DA CASA E IL SOLE TUTTO L’ANNO. LAVORO IN UN’AZIENDA PUBBLICA, SONO SPOSATA E MADRE DI DUE SPLENDIDE RAGAZZE. IMPEGNATA SU PIU' FRONTI CERCO DI RITAGLIARE IL TEMPO PER LA MIA UNICA PASSIONE: VIAGGIARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WhatsApp chat