Taralli pugliesi con la curcuma: quante volte li avrete mangiati per spezzare la fame o mentre si faceva l’aperitivo al bar? Sicuramente tantissime volte! Piccoli, friabili e gustosi, uno tira l’altro!

In questi giorni di quarantena nel  gruppo whatsapp al quale potete inserirvi seguendo questo  link  oltre che a condividere speranze ed idee per dei viaggi futuri, per gioco abbiamo iniziato a postare  foto di dolci, pizze, pasta fatta in casa.

Può sembrare scontato e sicuramente lo è, ma il bello sta nel condividere ricette della tradizione locale a gente di altre regioni e quindi mentre per noi è quasi scontato preparare qualcosa, per altri è novità!

Un viaggio culinario che in questo post vi porterà in Puglia.

La signora che ha impastato i tarallini è di Barletta, una new entry nel nostro gruppo di viaggi, il suo nome è Alessandra.

Lei insieme a sua figlia Elena sono venute con noi a Berlino e Cracovia e come noi hanno dovuto annullare Vienna e Timisoara…Ma ci rifaremo più carichi di prima!

Ed ora prendete appunti e seguite al dettaglio la ricetta di taralli pugliesi con la curcuma

500g di farina

200ml di vino bianco

130ml olio extravergine

2 cucchiaini di sale

una manciata di semi di finocchio o curcuma o origano

Procedimento

Impastate tutti gli ingredienti insieme e lasciate riposare una mezz’oretta poi formare dei torcinelli, tagliateli e formate dei tarallini

 

A questo punto preparate un tegame con acqua salata e portare ad ebollizione.

Buttate  giù una decina di taralli x volta e quando salgono a galla toglieteli con un schiumarola.

Posateli su uno strofinaccio e fateli asciugare x un paio d’ore.

Infine posizionateli su una leccarda da forno ricoperta di cartaforno e mettete  in forno statico a 200 gradi x un 45 minuti.

Buon appetito con i vostri taralli pugliesi con la curcuma!