Ostuni la città bianca

La Puglia nel nostro immaginario è associata al mare, il sole, le vacanze estive, ma vi farò vedere come alcuni borghi sono delle perle preziose non solo in estate.

A Ostuni le case sono bianche, di latte e calce, sono bianche fino a far male agli occhi, sono candidi i muri, le finestre, le porte, le scale, tutto è inverosimilmente bianco…cit.

Ostuni sorge su tre colli ed é situata a 8 km dal mar Adriatico per il quale ha ricevuto la bandiera Blu e le cinque vele di Legambiente.

Appena si arriva ad Ostuni l’occhio si perde tra il verde argenteo degli ulivi secolari ed il bianco dei trulli che venivano usati come deposito per gli attrezzi da campagna.

Entrando ad Ostuni  si raggiunge molto facilmente la piazza principale nella quale si erge la Colonna di Sant’Oronzo e dal lato opposto il palazzo di città.

 

A pochi piazza dalla piazza si entra nel centro storico: un’ insieme di casette incastonate su un colle tutte dipinte in calce bianca evidenziata dell’azzurro del cielo.

Tutto il bianco di Ostuni deriva dalla calce

Veniva utilizzata fin dal Medioevo un po’ perché era un materiale facile da reperire e un po’ perché era il modo per conferire luce ai ristretti vicoli del centro storico di Ostuni.

Addentrarsi nei vicoletti è come perdersi in  dei labirinti di stradine strette, le case sembrano delle casette di fate il cui ingresso si fa da porte strette precedute da alti gradini.

 

In estate Ostuni  viene impreziosita da fiori colorati e bucanville che si arrampicano sui muri continuando a fiorire anche a durante il periodo natalizio.

Seguendo il labirinto di vicoli in salita  si giunge alla concattedrale, dedicata a Santa Maria dell’Assunzione

La nostra visita della città è stata successiva alla festa di Santa Lucia e al solstizio d’inverno e per questa ragione le strade ed i portoni sono decorati con lanterne, simbolo di luce in onore alla Santa.

 

 

Passeggiando è difficile non rimanere incantati dai negozi e gli allestimenti.

Le ceramiche sono un simbolo diffuso in questa zona. Il “pumo” o anticamente, “le pigne”  venivano poste sui loggioni dei palazzi signorili.

Il pumo rappresenta un bocciolo di rosa e simboleggia la fortuna, l’ abbondanza, prosperità, fertilità e novità.

Molto radicata nel sud Italia è la venerazione per la Madonna, e lo si riscontra tra le stradine del centro storico dove si trovano delle nicchie con all’interno la statua.

Ostuni a Natale è decorata a festa da Viale Oronzo Quaranta, Corso Vittorio Emanuele, Corso Cavour, Viale Pola a tutto il Centro Storico ostunese.

Il  Villaggio di Babbo Natale, mercatini con le tipiche casette bianche, il parco delle fiabe con giochi per i bambini, musica e Street Food.


Bookig.com