Londra è una città immensa e ci vorrebbero settimane per visitarla tutta, ma racchiudo in questo post il mio  tour di quattro giorni.

Avrei voluto raccontarvi di angoli nascosti e scoperti per caso oppure di pub particolarissimi, nulla di tutto questo, per il nostro breve soggiorno abbiamo cercato di visitare  le principali attrazioni e monumenti della Londra turistica.

Quanto tempo è il percorso dall’aeroporto di Stansted al centro città?

Arriviamo alle 13 ora locale di una domenica mattina a Stansted dopo tre ore di volo Ryanair da Brindisi (volo prenotato a febbraio scorso a soli 28 euro), con l’ora legale un’ ora in meno.

Prendiamo autobus della linea AIRPORT BUS EXPRESS a 20 euro a/r, prenotato on line con fermata a Victoria station.

La oyster card  prima cosa da comperare a Londra

Vicino alla metro, la prima cosa che potevamo fare e premunirci della oyster card, una sorta di carta prepagata per viaggiare con qualsiasi mezzo al 40% in meno, in  zona 1/2 (centrale).

La oyster card viene rilasciata da macchinette apposite tipo un bancomat. Il costo addebitato è di 5 euro di cauzione più l’importo scelto della ricarica. Per 4 giorni  ho ricaricato la oyster card  di circa 25 sterline.

Come si usa la oyster card?

Il sistema è semplice: all’ingresso di autobus o metro si oblitera la carta, se nell’arco della giornata si arriva a circa 6 sterline, il resto dei viaggi è gratis.

C’è la possibilità di scegliere la travelcard che è un ‘abbonamento settimanale, il costo è simile ma si perdono le 5 euro di cauzione. In compenso però usando questo tipo di carta si ha lo sconto su alcune attrazioni.

Scegliere di dormire a Londra in un ostello

Essendo in 6 e avendo solo la necessità di dormire in un posto centrale abbiamo  voluto fare l’esperienza dell’ostello.

Il nostro è stato uno a 5 stelle! Posizione centrale, fermata dell’autobus h24 a 30 mt,  colazione e bevande incluse, bagno in camera privato.  Al pian terreno è un pub tipico londinese dove poter mangiare, bere e ascoltare musica.  Il nome dell’ostello è Travel Joy HostelsQuartiere di Westminster

Lasciati i bagagli ci dirigiamo a  Trafalgar Square  su cui si affaccia la National Gallery (aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18, il venerdì fino alle 21) che ospita splendide opere d’arte dei maestri della pittura. Non mancate di visitarla! È ad ingresso gratuito.

Da qui a pochi passi camminando lungo White Hall si arriva al Palazzo del Parlamento ed al Big Ben, simbolo stesso della capitale.

Quattro giorni a Londra e le principali attrazioni : 1° giorno

 Punto di partenza Trafalgare Square per visitarla di giorno e poi direzione Greenwich col battello ( costo del giro in battello 14 euro circa con la travelcard), nota per aver dato il nome al meridiano e al fuso orario omonimi.

Il museo di Greenwich

Il museo di Greenwich racconta la storia di come dopo la conferenza di Washington del 1864 fu stabilito il sistema dei fusi orari, scegliendo come primo fuso quello del meridiano di Greenwich, il quale divenne per tutti anche il riferimento geografico per il calcolo delle longitudini

In serata non poteva mancare un giro per le vie dello shopping: Piccadilly e Oxford street nella City di Westminster, punto nevralgico, simbolo e luogo di ritrovo per eccellenza della capitale britannica.

 

Quattro giorni a Londra e le principali attrazioni: 2° giorno

Direzione  Natural History MuseumVictoria & Albert Museum e Science Museum. Musei gratuiti in zona Cromwell Rd, Knightsbridge.

Il Victoria and Albert Museum espone opere d’arte decorativa provenienti da tutto il mondo ed è una visita divertente e interessante per la maggior parte dei visitatori. Il museo è troppo grande e per percorrerlo completamente è necessario raggiungerlo in più occasioni.

Le bancarelle di Portobello

Pomeriggio e sera dedicata allo shopping tra le bancarelle di Portobello che si sviluppa nel quartiere di Notting Hill lungo la via di Portobello.

Il mercato si svolge dal lunedì al sabato ed è suddiviso in tre parti: arrivando da Notting Hill Gate si trova prima la zona degli antiquari poi quella dell’abbigliamento vintage e dell’usato e infine, nella parte terminale di Portobello Road, le bancarelle di frutta, verdura e dolci.

Quattro giorni a Londra e le principali attrazioni: 3° giorno

Il cambio della guardia

Percorrendo  Victoria Street da Trafalgare Square,  si imbocca  Buckingham Palace Road per  arrivate fino a Buckingham Palace per vedere il cambio della guardia che viene svolto alle 11 tutti i lunedì, mercoledì, venerdì e domeniche ( potete controllare orari e giorni sul sito Changing the guard).

Durante la cerimonia la guardia montante arriva davanti al cortile del palazzo, muovendosi dalle Wellington Barracks, per dare il cambio alla guardia smontante. La banda musicale li accompagna suonando non solo marce militari ma anche brani di colonne sonore fino alla musica pop. Il tragitto dura circa 5 minuti ma la cerimonia vera e propria si tiene all’arrivo nel grande cortile e dura circa quarantacinque minuti.

Sosta d’obbligo durante il percorso al  St James Park.

Non poteva  mancare l’ ingresso nell’abbazia di Westminster ( 20 sterline) e il giro sul London eye (25 sterline)

 

Si prosegue verso la Cattedrale di  Saint Paul e Il millenium bridge, sospeso sul Tamigi, che collega il Bankside, sul lato sud della città, al quartiere finanziario di Londra, sul lato nord, lungo poco più di un chilometro.

 

 Simbolo della capitale britannica è il Tower Bridge, a 43 m d’altezza c’è la cosiddetta Passeggiata dei gatti o Catwalk, un passaggio pedonale che attraversa il ponte anche quando le parti mobili sono sollevate.

 

Da William Shakespeare a Harry Potter il passo è breve!

 

Ultima tappa ai grandi magazzini Harrods e  Chinatown: il quartiere cinese di Londra, nell’area di Soho, nel borough della City of Westminster.

 

 

Il costo del viaggio tutto compreso? 350 euro!

Per gli spostamenti  abbiamo utilizzando esclusivamente i bus tipici londinesi.

Abbiamo cenato nel pub del’ ostello con una media di 15 euro a persona.